Versione solo testo - Eurocin G.E.I.E., 25 novembre 2017
Torna alla versione grafica - home

La marcatura CE dei prodotti



Cuneo, 25 novembre 2017
ultimo aggiornamento: 29.09.2014



Sportello Europa per le imprese



Sportello Europa
Alps EEN

LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI

Contenuto pagina

Cosa significa la marcatura CE?

Significa che il prodotto corrisponde a determinati requisiti di sicurezza per le persone, i beni, gli animali e talvolta anche ad esigenze prestazionali e di carattere ambientale. Questi requisiti sono chiamati “requisiti essenziali” e sono stabiliti da direttive europee di armonizzazione, applicabili in tutti i 28 Paesi membri dell’Unione europea e nei Paesi aderenti al cosiddetto Spazio Economico Europeo (Norvegia, Islanda, Liechtenstein).
Significa anche che la conformità del prodotto ai requisiti essenziali è stata valutata dal fabbricante attraverso procedure specifiche (procedure di verifica della conformità), il cui contenuto è specificato dalle singole direttive di armonizzazione.

Qual è l’utilità della marcatura CE?

Segnala ai consumatori o agli utilizzatori professionali che il prodotto risponde ai requisiti essenziali di sicurezza.
Permette ai prodotti marcati di circolare liberamente nello Spazio Economico Europeo (28 Paesi membri dell’Unione europea + Norvegia, Islanda e Liechtenstein).

Chi deve apporre la marcatura CE?

In linea generale, il primo responsabile dell’immissione sul mercato di prodotti sicuri (e della conseguente apposizione della marcatura CE, quando richiesta) è il fabbricante, dato che è la figura che conosce nel dettaglio il modo in cui il prodotto è stato progettato e realizzato.
Si può però affermare che gli obblighi e le responsabilità in capo al fabbricante secondo le direttive “nuovo approccio”, sono estendibili a qualsiasi operatore economico (rappresentante autorizzato, importatore, distributore) che immetta sul mercato un prodotto, anche fabbricato da altri, con il proprio marchio o nome commerciale.
 

Quando deve essere apposta la marcatura CE?

Non tutti i prodotti industriali devono essere marcati CE:

  • quando un prodotto è incluso nel campo di applicazione di una direttiva che ne prevede l’apposizione, il prodotto deve essere obbligatoriamente marcato CE;
  • viceversa, quando il prodotto non rientra tra quelli oggetto di direttive che ne dispongono l’apposizione, il prodotto non può essere marcato CE;
  • infine, se il prodotto rientra nel campo di applicazione di più direttive che ne prevedono l’apposizione, dovrà essere apposta una sola marcatura CE, che indicherà che il prodotto è conforme a tutte le direttive applicabili.

Come deve essere la marcatura CE e dove deve essere apposto?

Il marchio deve essere visibile, indelebile e leggibile e rispettare la grafica prevista dall'Unione europea, scaricabile al seguente link:
http://ec.europa.eu/enterprise/faq/ce-mark.htm

La marcatura può essere ingrandita e ridotta, rispettando sempre le proporzioni indicate:

  • Non deve essere eliminabile dal prodotto, anche se non necessariamente esserne parte integrante, e deve presentare un'altezza minima di 5 mm.
  • Deve essere apposto sul prodotto stesso o sulla targhetta segnaletica. Solo se l’apposizione sul prodotto risulta impossibile, allora, in via eccezionale, può essere apposto sull’imballaggio e sui documenti accompagnatori del prodotto (istruzioni per l’uso, garanzia).
  • Non si possono apporre sul prodotto marchi ulteriori che possono generare confusione in errore i terzi circa il significato della marcatura CE o il simbolo grafico della stessa.

» Approfondimenti:




  TAG: Unione Europea

Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

Sportello Europa

Telefono 848.800.229
E-mail sportello.europa@pie.camcom.it

[ inizio pagina ]