Versione solo testo - Eurocin G.E.I.E., 21 novembre 2017
Torna alla versione grafica - home

Camere di commercio dell'Euroregione Alpi Mediterraneo: mettiamo insieme valori, risorse ed obiettivi



Cuneo, 21 novembre 2017
ultimo aggiornamento: 24.09.2013



Cooperazione socio-culturale



CAMERE DI COMMERCIO DELL'EUROREGIONE ALPI MEDITERRANEO: METTIAMO INSIEME VALORI, RISORSE ED OBIETTIVI

Contenuto pagina

Le Camere di commercio di Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, PACA e Rhône-Alpes insieme per l’Euroregione Alpi-Mediterraneo.

 

In questi giorni si è concretizzato un sogno in cui le Camere di Commercio di Cuneo, Imperia e Nizza, costituendo il primo Gruppo Europeo di Interesse Economico, hanno creduto dal 1994 perseguendo un lucido disegno di collaborazione transfrontaliera. Le Unioni regionali delle Camere di Commercio, condividendo il percorso politico avviato dai rispettivi governi regionali e volendo contribuire al progetto in ambito economico hanno inaugurato lo scorso 27 aprile la loro sede comune a Bruxelles dove lavora, coesa, all’interno dello stesso ufficio, la rappresentanza di un’economia transfrontaliera europea che conta 34 Camere di commercio, un milione e mezzo di imprese, uno dei Pil più elevati d’Europa, un’universalità che messa a regime darà vita al progetto avviato quindici anni fa da Eurocin G.E.I.E. ed al messaggio di Jacques Delors: superare la tradizionale divisione dell’Europa degli stati e costruire un’Europa delle regioni.

In parallelo, con la costituzione dell’Euroregione Alpi Mediterraneo si è concretizzata anche a livello politico l’idea che le regioni giochino un ruolo fondamentale nel processo di costituzione di un’Europa forte e solidale.

Il sogno e l’impegno portati avanti da Eurocin G.E.I.E., a cui molti all’inizio guardavano con una certa diffidenza, trovano dunque oggi importanti conferme ed acquisiscono una veste di ufficialità condivisa.

Finalmente si guarda all’Europa ad ai rapporti tra stato e regioni in maniera concreta, coinvolgendo anche i cittadini ed il sistema economico, primi beneficiari delle sinergie che si vogliono mettere in moto.

Le regioni ed il sistema delle Camere di commercio lavoreranno insieme all’interno dello stesso edificio ad un progetto concreto e comune, apportando ciascuno, dal lato politico e dal lato economico, le proprie esperienze e competenze; non sarà una duplicazione, ma la costruzione di un sistema nuovo e di ampio respiro.

Le tematiche che verranno affrontate sono numerose: innovazione e ricerca; turismo e cultura; istruzione e formazione; ambiente, prevenzione dei rischi e sviluppo sostenibile; internazionalizzazione ed innovazione delle reti d’impresa, miglioramento delle reti di trasporto e accessibilità.

Il progetto dell’Euroregione metterà a confronto identità simili, ma anche problematiche simili tra cui spiccano quelle legate al problema dei trasporti. Le linee d’azione sono legate al potenziamento ed alla messa in sicurezza dei trafori stradali ed alla realizzazione della Torino - Lione, pezzo mancante della rete ferroviaria lunga 5000Km che permetterà il trasporto di 40 milioni di tonnellate di merci e di 7 milioni di viaggiatori. Altre opportunità sono offerte dalla rete marittima e fluviale: la realizzazione dell’autostrada del mare permetterà di alleggerire il corridoio di Ventimiglia, passaggio franco-italiano attualmente sovraccarico. Il potenziamento di questo sistema e la realizzazione di piattaforme logistiche ed intermodali rappresenterà una risorsa sia per le regioni mediterranee che per le regioni alpine perché garanzia di equilibrio nel trasporto delle merci.

Le difficoltà esistono, inutile negarlo, ma è più forte la volontà di lavorare insieme e di confrontarsi per superarle. Il lavoro svolto da Eurocin GEIE negli ultimi 15 anni si innesta perfettamente nel quadro politico ed economico transfrontaliero che va delineandosi.

L’Euroregione denominata Alpi Mediterraneo non deve dimenticare che l’alleanza storica di Eurocin G.E.I.E. è e deve rimanere il cuore di un’alleanza più grande: non deve andare perduto quello che prima di altri si è saputo costruire.

Questa rivista, giunta alla sesta edizione, nella consapevolezza che la cultura è uno degli strumenti per riscoprire valori condivisi, è solo uno degli esempi di quanto Eurocin G.E.I.E. ha costruito in questi anni.

 

Ferruccio Dardanello
Amministratore Delegato EURO C.I.N. GEIE



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina



Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]