Versione solo testo - Eurocin G.E.I.E., 24 novembre 2017
Torna alla versione grafica - home

Una rete transfrontaliera a livello interregionale



Cuneo, 24 novembre 2017
ultimo aggiornamento: 25.07.2013



Cooperazione socio-culturale



copertina2011

UNA RETE TRANSFRONTALIERA A LIVELLO INTERREGIONALE

Contenuto pagina

Eurocin G.E.I.E. sostiene Alcotra “myMed”, progetto informatico per lo scambio di contenuti in ambiente fisso e mobile

 

myMed (www.mymed.fr) è il progetto finanziato dall’Unione Europea, la Regione Piemonte, il Conseil Général des Alpes Maritimes, la regione PACA, la Prefecture des Alpes Maritimes e l’INRIA nell’ambito del programma Alcotra 2007-2013.

myMed è nato da una duplice constatazione: l’esistenza di un enorme potenziale di sviluppo delle attività economiche della zona transfrontaliera oggetto del programma Alcotra, e la mancanza di infrastrutture tecnicamente avanzate che ne permettano uno sviluppo armonioso. Il progetto myMed è frutto di una collaborazione preesistente tra due realtà di quest’area, l’Istituto Nazionale di Ricerca in Informatica e Automatica (INRIA) a Sophia Antipolis e il Politecnico di Torino, a cui si sono aggiunte le competenze di altri due partner l’Università di Torino e l’Università del Piemonte Orientale e, recentemente, l’Università di Nizza Sophia Antipolis.

Gli obiettivi del progetto myMed sono la progettazione, prototipazione e sperimentazione di una rete sociale mobile geosensibile per lo scambio di informazioni e per la creazione di servizi personalizzati nella zona transfrontaliera Alcotra. Le reti sociali, come Facebook, LinkedIn, mySpace, ovvero i meccanismi di condivisione delle informazioni come YouTube e Wikipedia, sono fenomeni che richiamano un ampio spettro di utenti che si dividono, di volta in volta, in fruitori o fornitori della conoscenza distribuita sulla rete sociale. myMed si propone di coniugare le funzionalità di una rete sociale con i bisogni e peculiarità della bisogni e peculiarità della zona transfrontaliera italo-francese, proponendo soluzioni a diverse esigenze: l’incontro tra offerte e le richieste di servizi transfrontalieri a forte valore aggiunto; il trasferimento efficace di tecnologie tra i poli tecnologici e le università franco italiane; la diffusione dell’informazione generalizzata o specializzata presso gruppi che ne hanno una forte esigenza e sono quindi ricettivi; la riduzione e, per quanto possibile, la soppressione del "geographical divide" dovuto alle difficoltà di spostamento nella nostra interregione dalle caratteristiche orografiche accidentate; la fornitura di strumenti di sostegno alla mobilità e all’integrazione, e attraverso di essi dallo sviluppo e valorizzazione dei caratteri di comunità transfrontaliera. Gli scenari di utilizzo di myMed potranno avere impatto su tutti gli aspetti della vita quotidiana. La rete sarà lanciata in maniera sperimentale corrente nel 2011 ed entrerà in produzione nel 2012.

 

Enti ed associazioni interessati possono trovare informazioni riguardanti l’utilizzo gratuito della rete myMed  sul sito del progetto: www.mymed.fr.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina



Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]