Versione solo testo - Eurocin G.E.I.E., 23 novembre 2017
Torna alla versione grafica - home

Euroregione AlpMed



Cuneo, 23 novembre 2017
ultimo aggiornamento: 30.08.2016



Chi siamo



EUROREGIONE ALPMED

Contenuto pagina

CRONISTORIA DELL'EUROREGIONE ALPI MEDITERRANEO

Dall’Europa degli Stati all’Europa delle Regioni
Dalle Alpi del Mare ad Alpi Mediterraneo

Nel cuore dell’Europa meridionale, tra l’arco alpino ed il Mar Mediterraneo è nata l’Euroregione Alpi Mediterraneo, un territorio che raggruppa aree affini non solo da un punto di vista geografico, ma anche da quello culturale, storico ed economico.

L’azione delle cinque regioni transfrontaliere nasce quale programma politico da affiancarsi al progetto di cooperazione economica transfrontaliera a cui da quindici anni stanno lavorando le Camere di Commercio e gli enti italo - francesi riuniti in EURO C.I.N. GEIE
Ecco in sintesi le tappe salienti di questo viaggio.

1982
Tentativi di cooperazione tra le Regioni frontaliere francesi, svizzere e italiane esistono dal 1982, in seno alla COTRAO (Comunità di Lavoro delle Alpi Occidentali). Un protocollo d’intesa era stato infatti firmato all’epoca tra Rodano-Alpi, Provenza - Alpi-Costa Azzurra, Valle d’Aosta, Piemonte e Liguria e con i Cantoni di Ginevra, Vaud e Vallese.

19 maggio 1994
Viene costituito il primo Gruppo Europeo di Interesse Economico tra le Camere di Commercio di Cuneo, Imperia e Nizza, che prende il nome di EURO C.I.N. GEIE
Obiettivo del gruppo è favorire l'integrazione economica, culturale e scientifica attraverso lo sviluppo dei flussi transfrontalieri e la promozione di un' immagine comune all’interno ed all'esterno dell'Euroregione delle Alpi del Mare, una regione di incontro voluta e decisa dal mondo economico e politico. Erede di una storia fatta di migrazioni e incontri, per le generazioni future costituisce un territorio da organizzare, da costruire sui valori della libertà delle persone e della solidarietà tra i popoli.

13 novembre 2001
EURO C.I.N. GEIE viene presentato al Parlamento di Bruxelles, in quanto caso interessante di cooperazione tra regioni transfrontaliere, insieme ad altre quattro realtà analoghe – Pannonia occidentale (Austria ed Ungheria), Egrensis (Baviera, Turingia, Sassonia e Repubblica Ceca), Nord-Pas de Calais/Hainaut (Belgio e Francia) e la Regione del Mar Baltico. Da queste esperienze è nato lo studio intitolato “La nuova Europa s’inventa sui margini? Cooperazione trasnfrontaliera e transnazionale” , ad opera del gruppo di ricerca “Notre Europe” di Parigi, fondata da Jacques Delors.

11 luglio 2006
Viene firmata dai presidenti di Regione Piemonte (Mercedes Bresso), Regione Liguria (Claudio Burlando), Regione Valle d’Aosta (Luciano Caveri), Région Provence-Alps-Côte d’Azur (Michel Vauzelle), Région Rhône-Alpes (Jean-Jack Queyranne) una Dichiarazione d'Intenti per la costituzione dell'Euroregione Alpi Mediterraneo.

18 luglio 2006
Successiva tappa politica è la firma, a Bard in Valle d'Aosta, del  protocollo di intesa tra le Regioni Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Provence- Alpes Côte d’Azur e Rhône-Alpes, che il 18 luglio 2006 ha dato origine all’Euroregione Alpi mediterraneo.
I firmatari si sono impegnati a costituire un Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale (GECT), previsto dal regolamento Cee 1082/2006, per avviare una concreta cooperazione e scambio nei comuni settori di competenza, al fine di rafforzare i legami politici, economici, sociali e culturali tra le popolazioni di un territorio che si pone come cardine tra l'Europa ed il Mediterraneo.
Il GECT ricercherà i finanziamenti appropriati a livello europeo per realizzare il piano d'azione adottato dalla Conferenza dei presidenti. (vedi scheda protocollo d'intesa)

10 ottobre 2007
L’anno successivo e precisamente il 10 ottobre 2007, nell’ambito degli Open Days a Bruxelles, le cinque regioni firmano il documento ufficiale che sancisce la nascita dell’Euroregione Alpi Mediterraneo.
Tra gli obiettivi che l’Euroregione Alpi-Mediterraneo si pone vi è una politica ambiziosa rivolta ai giovani e alla collaborazione internazionale in diversi settori, quali lo sviluppo, l’innovazione, la cultura, il turismo e i trasporti, l’università e la formazione. Ogni regione è responsabile di un determinato settore tematico: Piemonte - trasporti e accessibilità, Liguria - turismo e cultura, Valle d’Aosta - educazione e formazione; Provence-Alpes-Côte d’Azur - innovazione e ricerca, Rhone-Alpes - ambiente e sviluppo sostenibile.

15 ottobre 2007 
Il 15 ottobre 2007, a Nizza, le Camere di commercio italo-francesi si riuniscono per il primo convegno tra Camere di Commercio transfrontaliere organizzato da EURO C.I.N. per discutere insieme sul tema “Euroregione Alpi – Mediterraneo: cooperazione transfrontaliera, infrastrutture e territori”.
In quest'occasione viene sottoscritta da parte delle 34 Camere di Commercio dell’area interessata una dichiarazione d’intenti finalizzata a rafforzare la collaborazione reciproca. Tra le linee d’azione programmate, la realizzazione di un rapporto economico annuale sull’Euroregione. 

28 aprile 2009
Il 31 gennaio 2008: le 5 regioni che compongono l’Euroregione hanno inaugurato una sede comune a Bruxelles, in Rue du Trône 62.
All’interno dello stesso palazzo, allo scopo di meglio fondere le sinergie, il 28 aprile 2009, le Unioni Regionali delle Camere di Commercio delle cinque regioni inaugurano a Bruxelles la loro sede comune.

5 giugno 2009
In attesa della pubblicazione del primo profilo socio-economico e statistico del territorio dell’Euroregione, viene presentata la sezione dell’Annuario statistico regionale dell’Euroregione Alpi-Mediterraneo allo scopo di diffondere le principali cifre chiave della macro area. La sezione raccoglie i dati regionali di Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Rhone-Alpes e Provence- Alpes Côte d’Azur, oltre che il dato complessivo dell’Euroregione per i più importanti temi socio-economici e demografici.

L’azione politica dell’Euroregione si articola in 5 assi ognuno dei quali è competenza di una singola regione che se ne occupa anche per conto delle altre: innovazione e ricerca ( Paca), trasporti e accessibilità (Piemonte), turismo e cultura (Liguria), istruzione e formazione (Valle d’Aosta) ed infine ambiente, prevenzione dei rischi e sviluppo sostenibile.

L’azione economica svolta a sua volta dalle Unioni Regionali delle Camere di commercio ha come priorità il turismo, l’internazionalizzazione e l’innovazione delle reti d’impresa, il miglioramento del sistema dei trasporti e dell’accessibilità.

Per l'intervista a Paolo Bertolino, Segretario Generale di Unioncamere Piemonte, clicca qui.

Per maggiori informazioni è possibile scaricare la presentazione  Euroregione Alpi Mediterraneo in cifre.ppt


Le informazioni contenute sono state estrapolate dai seguenti siti:  www.medalp.eu, www.euroregione-alpi-mediterraneo.eu , www.cameradicommercio.it  e naturalmente www.eurocin.eu

 

 

EUROREGIONE ALPMED

Nel corso del primo convegno tra Camere di Commercio transfrontaliere organizzato da EURO C.I.N. GEIE il 15 ottobre 2007 a Nizza, viene sottoscritta da parte delle 34 Camere di Commercio dell’area interessata (Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Rhône Alpes, Provence Alpes Côte d’Azur) una dichiarazione d’intenti finalizzata a rafforzare la collaborazione reciproca.

Collaborazione che ha avuto inizio con l'apertura di un ufficio comune a Bruxelles, all'interno dei locali dell'Euroregione ALPMED, che raggruppano già le delegazioni delle rispettive Regioni.

A seguire una sintesi della successive tappe di ALPMED

28 aprile 2009le unioni regionali delle Camere di commercio delle cinque regioni inaugurano a Bruxelles la loro sede comune.

Nel mese di luglio dell’anno successivo viene pubblicato il “Passaporto dell’Euroregione”, sintetico studio che delinea geograficamente il territorio dell’Euroregione e fotografa la realtà economica e le potenzialità di Alpi Mediterraneo.

1 luglio 2011: le Camere di commercio dell’Euroregione ALPMED, alle quali si sono aggiunte le Unioni Regionali della Sardegna e della Corsica hanno deciso di presentarsi nel mondo delle istituzioni europee sotto un’unica insegna, costituendo un Segretariato Permanente, sotto forma di Associazione senza scopo di lucro di diritto belga, denominato ASBL ALPMED.
Il Segretariato Permanente ha il compito di promuovere, nel cuore dell’Unione Europea, gli interessi delle imprese e di tutte le realtà economiche presenti nel territorio dell’Euroregione Alpi-Mediterraneo, svolgendo un’intensa attività di lobby al fine di monitorare e influenzare le politiche comunitarie. Partecipa alle consultazioni pubbliche lanciate dalla Commissione Europea e ai progetti transfrontalieri e transnazionali per sostenere lo sviluppo socioeconomico dei territori dell’Euroregione.

23 novembre 2011: per celebrare l’inizio dell’attività dell’ASBL 'Camere di commercio ALPMED' è stata organizzata la prima Assemblea tenutasi a Bruxelles presso il Comitato delle Regioni alla presenza dei Presidenti e Segretari Generali delle 43 Camere di commercio dell’Euroregione.

Gennaio 2012: gli organi dell’ASBL ALPMED si sono riuniti all’inizio del 2012, in una giornata che è stata altresì occasione per organizzare, nel pomeriggio, il primo incontro tra donne imprenditrici membri degli organi camerali della regione ALPMED. Incontro che ha dato vita ad un attivo confronto tra le differenti politiche e gli strumenti a sostegno dell’imprenditoria femminile nelle diverse realtà territoriali, creando, inoltre, l’opportunità di conoscersi e di potersi scambiare idee su iniziative da realizzare in comune.

Dicembre 2012: Lione - incontro incentrato sulle relazioni economiche transfrontaliere tra Francia ed Italia, sulla situazione dell’imprenditoria e sulle possibilità di sviluppo nei rispettivi territori alla presenza di importanti relatori ed esperti del settore imprenditoriale.

1 febbraio 2013: nel corso dell'Assemblea Generale di ALPMED ad Annecy, contestualmente alla presentazione della attività realizzate nel corso del 2012 e di quelle previste per il 2013 è avvenuto il passaggio della Presidenza per l'anno 2013 da Jean-Paul Mauduy, Presidente delle CCI Rhône-Alpes a Ferruccio Dardanello, Presidente Unioncamere Piemonte.

 

Video Assemblea Generale ALPMED 1 febbraio 2013 (file in formato asf 6,1 MB)

 

 

GECT: GRUPPO EUROPEO DI COOPERAZIONE TERRITORIALE

Il GECT (Gruppo europeo di cooperazione territoriale) è uno strumento giuridico europeo di cooperazione a livello comunitario che consente a gruppi cooperativi di attuare progetti cofinanziati dalla Comunità e realizzare azioni su iniziativa degli Stati membri.

Il Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale è stato istituito il 5 luglio 2006 con il Regolamento 1082/2006/CE del Parlamento europeo e del Consiglio. Solo Bulgaria, Romania, Ungheria, Regno Unito e Francia hanno dato attuazione al Regolamento.

ll GECT ha lo scopo di agevolare e promuovere la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale tra i suoi membri.

I Presidenti delle 5 Regioni che compongono l'Euroregione Alpi-Mediterraneo hanno firmato un Protocollo d'intesa comune, primo passo formale per dare all'Euroregione una valenza giuridica.

I Presidenti hanno inoltre insistito sulla necessità che gli Stati si dotino al più presto delle regole previste per l'attuazione dei GECT.

Diverse le letture e le versioni fornite dalle Regioni italiane. In generale, comunque, il GECT è visto come uno strumento positivo che ridisegna i confini europei, ed è alla convenzione ed allo statuto previsti dal Regolamento per la costituzione del GECT che stanno lavorando le Regioni, con l'aiuto della Mission opérationnelle transfrontalière (Mot).

Il Consiglio dei Ministri del Governo italiano ha approvato il 28 Agosto scorso il disegno di legge Comunitaria 2008 per l'adempimento degli obblighi che derivano dall'appartenenza dell'Italia all'Unione Europea. Il testo, che al Capo III contiene le disposizioni per l'attuazione del Regolamento (CE) n.1082/2006, relativo al Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale (GECT), sarà ora presentato in Parlamento. 

Accedi al sito del Dipartimento delle Politiche Comunitarie

 



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina



Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]